HX 145 LCR, HX 210 AL, HL 955 A: benvenuti nel mondo dei giganti Hyundai!

escavatori hyundai

Per fare le cose in grande meglio contare su potenza e affidabilità.

Pochi giorni fa si è tenuto a Bari, in Puglia, il primo Digger Day, evento dedicato alla presentazione della nuova gamma HX Hyundai 2024. Una giornata interamente dedicata al movimento terra durante la quale abbiamo potuto vedere in azione, “nel loro ambiente naturale”, alcuni giganti. Conosciamoli più da vicino.

Escavatore cingolato HX 145 LCR: prestazioni eccezionali e versatilità.

Una potente macchina da 15 tonnellate con motore Stage V che può contare su una grande resistenza favorita dagli esterni e dal telaio rinforzati, adatti a tollerare impatti e carichi di lavoro pesanti. Grazie al raggio di rotazione posteriore ridotto è la macchina perfetta per operare in spazi ridotti come cantieri urbani e strade. Sotto il cofano del 145 batte un motore Cummins F3.8 che permette all’escavatore di soddisfare le ultime normative in tema di emissioni e ne migliora l’efficienza riducendo i consumi. Lo spazio in cabina, aumentato del 13% e i comandi elettronici ridisegnati completamente ne fanno un esempio di efficienza operativa e manovrabilità da seguire.

145

Escavatore cingolato HX 210 AL: robusto e potente.

Una macchina da 22 tonnellate con motore Cummins Stage V B4.5 dotato di sistema post-trattamento integrato per ridurre le emissioni e le esigenze di manutenzione. Ottimizza i consumi e migliora la gestione economica del mezzo. “Non solo braccia”: questa può essere definita a tutti gli effetti una macchina intelligente. Infatti, oltre a maggiore sicurezza e a un look accattivante ha introdotto tecnologie all’avanguardia in grado di incrementare le prestazioni. Instancabile, affidabile, innovativo, il 210 permette di spostare grandi carichi con poco sforzo. Costruita con un sottocarro a nove rulli per migliorare la stabilità anche nelle situazioni più difficili e per ridurre l’usura dei cingoli, sembra una macchina destinata ad essere usata in eterno. Permette di personalizzare le impostazioni di guida e di comando.

210

Caricatore gommato HL 955 A: una macchina estrema per situazioni estreme.

L’alleata perfetta per i lavori “heavy-duty”, assicura il massimo della produttività in applicazioni industriali, nelle cave e nelle miniere. Viene spinta da un potente e affidabile motore Cummins B6.7 Stage V e, come i mezzi precedentemente descritti è progettata per ridurre al minimo le emissioni nocive. Nessuno può fermarla! Può lavorare, senza diminuire le prestazioni, anche con il maltempo e in zone impervie. Possiede un’articolazione a Z ad assi paralleli sviluppata per il sollevamento parallelo con bilanciamento ottimale. Capace di rilevare in automatico oggetti in movimento che si trovano nel raggio di 5 metri dalla macchina grazie a un sistema di rilevamento e a un radar, l’HL 955 A garantisce grande sicurezza all’operatore. Anche il comfort non è da sottovalutare, questo caricatore, infatti, offre una delle cabine più silenziose dell’intera gamma Hyundai.

955

Tre mezzi molto diversi tra loro che, nonostante le dimensioni, possono operare in cooperazione all’interno di qualsiasi cantiere come in una coreografia dimostrando grande versatilità e una “leggerezza” inaspettata.

Ricorda che anche su queste tre macchine puoi approfittare del vantaggioso tasso zero offerto da Hyundai, contattaci per saperne di più!

HX17AZ e HX19A: due dei nuovi escavatori compatti Hyundai a confronto

escavatori compatti

Quando sono i piccoli a rompere gli standard c’è davvero l’imbarazzo della scelta, allora come fare per decidere tra questi due nuovi compatti?

Con queste macchine “al di fuori del normale” Hyundai ha scelto di rompere completamente gli schemi del settore sotto ogni aspetto, dal comfort alla manovrabilità, dal design alla potenza, dall’idraulica all’elettronica. Ma cosa le rende così speciali e quale scegliere per i propri progetti?

Decisione difficile. Proviamo a cancellare ogni dubbio conoscendo le due “piccole di casa” più da vicino.

Vediamo prima cosa hanno in comune:

Prestazioni:

Il loro motore Stage V garantisce prestazioni top e rispetta le ultimissime normative sulle emissioni, possono essere con ingombro di rotazione zero o con sbalzo convenzionale. C’è la versione “cabina” e quella “canopy”, ci sono il carro a carreggiata variabile e la lama dozer regolabile. Ogni caratteristica sembra pensata per massimizzare la produttività senza rinunciare all’estetica e assicurando capacità da top player.

Comfort:

Grazie a un display LCD 5 pollici è facilissimo controllare tutte le impostazioni delle macchine. Il monitor IP68 ha la protezione water resistant. La pressione idraulica ausiliaria si regola a bordo e i comandi proporzionali sono “in punta di dita” per la massima comodità. E il design? Basta ricordare che queste macchine sono già state insignite del prestigioso Red Dot Design Award 2022.

Sicurezza:

Gli escavatori compatti HD Hyundai hanno standard di sicurezza elevatissimi. Possiedono, oltre al blocco di sicurezza automatico, protezioni specifiche per i cilindri di braccio, avambraccio e benna.

La cabina, infine, è robustissima per proteggere al meglio l’operatore. Parliamo di macchine piccole ma robuste e durevoli.

Vediamo ora le differenze tra i due modelli presi in considerazione:

Manovrabilità:

L’HX17A Z è una delle macchine più piccole della gamma di escavatori compatti Hyundai, questa 1,7 ton è perfetta per operare senza sforzi in spazi ridotti. L’HX19 A, invece, è consigliato a chi cerca una maggiore potenza.

L’HX17A Z è un escavatore a ingombro di rotazione zero effettivo mentre il 19 quintali viene consegnato con sbalzo posteriore convenzionale e offre prestazioni superiori di scavo e sollevamento rispetto alle macchine a ingombro di rotazione zero.

Breaking-Standards-IT

Comodità:

Il modello più piccolo mette la praticità e il comfort del manovratore al centro. Gli interni sono spaziosi e consentono di operare velocemente in modo efficiente. Il “fratello grande” punta ancora di più sulla praticità e aggiunge la riduzione al minimo del rumore, bella comodità per quando si lavora per tempi lunghi, no?

HX17AZ cala i suoi assi in termini di comodità grazie ai joystick proporzionali, alla leva RCV e alla regolazione del flusso idraulico da display lcd che assicurano una maggiore precisione negli spostamenti e nel comando degli attrezzi.

HX19A risponde sfoggiando una nova portiera con vetratura ampliata  che aumenta la visibilità durante le manovre e un monitor LCD resistente all’acqua nella versione canopy.

hx19a

Sicurezza:

Tutti e due i modelli soddisfano gli standard ROPS (Strutture di protezione contro il ribaltamento) e TOPS (Strutture di protezione antirovesciamento) ma il “19” può essere consegnato anche con configurazione FOG (Protezione oggetti in caduta).

Produttività:

Per quanto riguarda questo valore, le caratteristiche dei due compatti presi in considerazione sono abbastanza simili e, comunque, di altissimo livello. Così come le qualità riguardanti la manutenibilità. I due escavatori, infatti, sono progettati per un accesso di manutenzione semplificato e possiedono un sistema telematico in grado di dare accesso ai principali dati vitali della macchina.

Insomma, scegliere tra questi due primi escavatori compatti non è semplice perché rappresentano entrambi un salto di qualità davvero significativo per questo segmento di mezzi.

Ma, se sei in dubbio e hai bisogno di una consulenza per sapere quale dei due sia maggiormente adatto ai tuoi progetti puoi richiederla a noi gratuitamente compilando il form che trovi qui sotto!

Piccoli, smart e versatili: sono disponibili i nuovi escavatori compatti Hyundai che rompono gli standard.

miniescavatori hyndai

Nuova gamma HX, una scelta intelligente per massimizzare l’operatività in cantiere

Appena introdotti sul mercato hanno già conquistato il cuore di moltissimi costruttori: sono i mezzi compresi tra i 19 e i 50 quintali lanciati da Hyundai, una piccola selezione di una più ampia offerta, rappresentazione perfetta dei passi avanti fatti dal costruttore coreano negli ultimi tempi. Considerando che questo genere di macchine rappresentano la scelta preferita da oltre il 50% di chi acquista macchine movimento terra, questa è da considerarsi una scelta veramente azzeccata già in partenza, scopriamo più da vicino le novità riguardanti i mini escavatori. 

HX17AZ e HX19A: i due “piccoli di casa” si presentano con alcuni cambiamenti, il 17q ha un design “zero tail” per lavorare agevolmente anche nei cantieri più angusti mentre il 19 ha una torretta convenzionale. Da segnalare la grande stabilità di questi due modelli durante le operazioni di scavo e sollevamento, garantita dai sottocarri estensibili. 

HX35AZ, HX40A e HX48AZ: con questi tre si “gioca tra i professionisti”. Migliorate le prestazioni, lo spazio in cabina, l’ergonomia, la manovrabilità. L’operatore ha più spazio e può contare su una pedaliera più comoda, due joystick e ottima possibilità di movimento grazie all’assenza di leve. Sotto al cofano di questi tre escavatori “battono cuori” Kubota e Yanmar da 24,8 a 39 cv. Anche l’impianto idraulico è cambiato, abbiamo un sistema a doppia pompa con portata variabile con distributore a centro aperto per l’HX35AZ e un impianto Load Sensing Flow Sharing di Bosch-Rexroth per gli altri due. Una scelta questa capace di rendere le macchine più sensibili al carico e di avere a disposizione potenza e fluidità.

Tutti i mezzi presentano un design innovativo (il pluripremiato “occhi di tigre), più razionale, grintoso e pulito, garantiscono altissime prestazioni a fronte di emissioni ridotte e sono in grado di soddisfare anche i clienti più esigenti. Grazie all’ingombro limitato e alla precisione in fase di lavoro aiutano a massimizzare la produttività e il tempo di operatività al lavoro. Possono essere quindi considerati una scelta intelligente per ogni tipo di cantiere.  

Questi primi cinque modelli presentati nei primi mesi del 2024 verranno affiancati nella seconda parte dell’anno da altri tre che andranno a completare l’offerta. Otto nuove frecce all’arco dei costruttori che possono contare, ancora di più, su un prodotto di altissima qualità messo a disposizione da un partner affidabile e innovativo come Hyundai. 

Potenzia il tuo cantiere, richiedi una consulenza gratuita sulla nostra offerta per il movimento terra compilando il form qui sotto.

Nuovo punto noleggio a Salerno

salerno panorama

Salerno chiama, Elevateur risponde! Sempre più presenti sul territorio.

 

Grande novità in arrivo! Dopo la storica sede di Nola e quella di Cassino, dal 25 settembre 2023 Elevateur è presente anche a Salerno con un nuovo punto noleggio dedicato alla consegna e ritiro di macchine e attrezzature.

 

Come è nato questo nuovo punto noleggio?

La scelta è stata naturale: vista la crescente richiesta da parte della clientela salernitana di avere a disposizione un partner capace di garantire servizi e supporto di qualità, abbiamo raccolto questa sfida e ci siamo messi a disposizione con la nostra esperienza. 

Nato presso la Euro Noleggi di via S.Leonardo 123 a Pontecagnano, questo nuovo “campo base” garantisce maggiore distribuzione sul territorio campano e presenta diversi vantaggi:

–    Capillarità: facilità nel raggiungere la zona per tutti i clienti che arrivano dal Cilento, dalla Basilicata e dalla Calabria

–    Assistenza: l’officina mobile raggiunge più facilmente un’area geografica più estesa 

–    Ampia zona antistante la filiale: un’area espositiva davvero importante per poter conoscere e visionare la gamma completa

–    Ampliamento servizio: disponibilità di noleggio con/senza operatore

Dove siamo:

Vieni a trovarci, raggiungerci è facilissimo. Clicca sulla mappa qui sotto per sapere come fare.

Per maggiori informazioni contatta il Responsabile di filiale

 

Clemente Tramontano

3351408822 – clemente@elevateur.it