IL MONDO DEL RESTAURO: MISSIONE SICUREZZA CON I CORSI DI FORMAZIONE IPAF - Elevateur

IL MONDO DEL RESTAURO: MISSIONE SICUREZZA CON I CORSI DI FORMAZIONE IPAF

UTILIZZI SPECIALI: RAGNO 30 METRI IN AZIONE PER IL DISSESTO IDROGEOLOGICO
18 Agosto 2015
AIAS ACADEMY AL VIA I CORSI DI FORMAZIONE PER MULETTI E SOLLEVATORI
18 Agosto 2015

Dopo 5 anni di attività come centro IPAF, questo mese per la prima volta ha partecipato ad un nostro corso una donna.

Se è vero che il settore edile ed impiantistico è costituito quasi per la totalità da operatori di sesso maschile, siamo lieti di poter annoverare da adesso anche una prima partecipazione al femminile.

Daniela D’Andria, 32 anni di Napoli è una restauratrice, e ci spiega perché ha scelto di formarsi all’uso in sicurezza della piattaforme aeree:

“Come libera professionista di frequente ho l’esigenza durante i lavori di restauro, di operare in quota, sia all’interno di chiese, principalmente con ragni e piattaforme verticali, che all’esterno per le operazioni su facciate e sculture tramite piattaforme autocarrate. L’utilizzo di piattaforme aeree nel settore del restauro edile è sempre più spesso preferito a quello di ponteggi e trabattelli, il miglioramento in fatto di tempistiche e ottimizzazione del lavoro è innegabile. Per questi motivi ho deciso di conseguire il patentino IPAF per piattaforme aeree (Carta Pal, ndr.), per garantirmi una conoscenza puntuale delle normative sul lavoro in quota e arricchire così il mio bagaglio professionale”

L’attività di restauro in Italia coinvolge circa 30.000 operatori, per l’80% donne con una età media di 32-35 anni. Finanziato per il 75% dalla pubblica amministrazione, il restauro edile vede un impiego massiccio di piattaforme aeree ed è auspicabile che gli operatori e le operatrici, siano essi liberi professionisti o dipendenti ricevano la formazione adeguata e corretta all’utilizzo delle attrezzature che adoperano.

Proprio per quanto riguarda i finanziamenti per il mantenimento del patrimonio artistico italiano, ci fa piacere segnalare l’iniziativa “Un passo per San Luca” con la quale alcune associazioni bolognesi, ad inizio Dicembre, grazie al crowdfunding (raccolta fondi online), sono riuscite a coinvolgere 7111 donatori e raccogliere 338.000 euro per permettere il restauro del Portico di San Luca a Bologna!

Richiedi info sui nostri corsi di formazione in Campania e in tutta Italia>>

Comments are closed.